Intervento

Le opere cartacee sono senza dubbio tra le più alterabili; la carta, gli inchiostri, i colori, fragili per natura, sono sensibilissimi a fattori negativi come i raggi solari, la polvere, l’inquinamento atmosferico, l’umidità.  Questi fattori agiscono continuamente sulla carta, facendola espandere e contrarre. La luce e non solo la luce che noi distinguiamo, ma anche i raggi ultravioletti devono considerarsi deleteri. Con il tempo le carte antiche realizzate anche con materiali poco pregiati, sono soggette a rotture, ingiallimenti, macchie e annerimenti, parassiti e muffe per cui è di rilevante importanza una accurato intervento di restauro dell’opera. L’opera di Giovanni Fattori, datata primi anni dell’Ottocento, pur essendo integra ha necessita di essere trattata per le muffe, sbiancata per eliminare le macchie e l’ imbrunimento della carta, trattamento dell’inchiostro per bloccare l’ossidazione.

I lavori sono eseguiti da personale specializzato sotto l’egida della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio delle Marche.

La storia

Il foglio di Giovanni Fattori “Paesaggio”(mm. 130×206) è l’opera più antica conservata ed esposta nella Pinacoteca civica Marco Moretti. L’acquaforte risale ai primi anni dell’Ottocento, raffigura un paesaggio con contadini intenti al raccolto e proviene dal lascino con coi Luciano Moretti fondò nel 1975 la Pinacoteca civica Marco Moretti. Pur essendo conservata nei migliore dei modi e con le attenzioni del caso, in passato l’acquaforte è stata esposta alla luce e ha sofferto gli sbalzi di temperatura causa del deterioramento che si può ovviare solo con un accurato restauro che riporti l’opera all’originario splendore.


Localizzazione del bene